Le Garanzie per ottenere un Prestito

Come risulta da ogni ricerca di mercato gli italiani sono un paese di grandi risparmiatori. In questi tempi di crisi la capacità di mettere da parte i soldi per i momenti più duri è una delle caratteristiche che contraddistingue i nostri compaesani. Ma ritrovarsi ad aver bisogno di liquidità e non aver soldi in banca può capitare anche ai più grandi esperti di economia domestica.

Basta che si verifichino una serie di eventi imprevisti, come una bolletta particolarmente esosa e la necessità di fare una spesa urgente, per metterci davanti alla necessità di trovare del denaro. Così, dopo aver prosciugato quel che eravate riusciti a mettere da parte, avete scoperto che le tubature interne del vostro appartamento vanno rifatte dall’inizio alla fine perché creerebbero dei problemi sia a voi che ai vostri condomini.

L’Ipoteca e gli immobili

O può capitare di avere l’auto che richiede una riparazione urgente perché non avete modo di viaggiare con i mezzi per recarvi a lavoro. L’unica opzione possibile è informarsi presso una banca per ricevere una piccola somma di denaro per far fronte alle spese, in modo che possiate restituirli un poco per volta, passata la tempesta. I prestiti personali vengono definiti non finalizzati, che significa che non dovrete spiegare dettagliatamente come investirete i soldi ottenuti e non saranno collegati all’acquisto di beni o servizi, come può essere un mutuo o il finanziamento per l’acquisto di una macchina.

Ogni banca ha le sue condizioni a cui vengono erogati i prestiti: garanzie, documentazioni, contratti o firme di persone terze per garantire la restituzione. Ovviamente se avete un contratto a tempo indeterminato le pratiche per la richiesta e la concessione del finanziamento scorreranno lisce come l’olio e in poche ore potrete ritirare i vostri soldi (o riceverli sul conto).

La busta paga

Ogni categoria lavorativa poi dispone di una serie di convenzioni con le proprie associazioni di categoria per poter ottenere dei prestiti a condizioni agevolate. I lavoratori con un contratto a tempo indeterminato possono scegliere anche di restituire l’importo prestato direttamente attraverso la propria busta paga, autorizzando il proprio datore di lavoro a trattenere un quinto dello stipendio ogni mese e versarlo all’istituto che ha concesso il credito. In alcuni casi, solo per alcune categorie lavorative, è possibile richiedere un prestito anche a ridosso del pensionamento perché il finanziamento verrà rigirato direttamente, e senza aggiornamento delle condizioni contrattuali, sulla pensione che l’interessato comincerà a percepire.

Solitamente chi non dispone di un contratto stabile di lavoro può presentare, a garanzia di restituzione del prestito, la firma di una terza persona che deve avere o un rapporto lavorativo a tempo indeterminato o un reddito abbastanza solido per giustificare la propria figura di garante. I prestiti rivolti a persone protestate o cattivi pagatori, o a chi ha subito il pignoramento di un bene a causa di un debito contratto in precedenza, non sono concessi da molti istituti di credito. Quelli che sono disposti a farlo inoltre stringono la maglia dei controlli e delle garanzie richieste ed esercitano dei controlli molto più approfonditi del normale, ponendo condizioni di restituzione più ferree.

Lascia un commento

Your email address will not be published / Required fields are marked *